Notizie Calcio Serie A Juve e Napoli

De Laurentiis e Reina, quando un amore finisce a tavola

Ci sono amori che sembrano dover durare in eterno, che si dividono per un anno ma poi si riabbracciano perchè troppo forte il sentimento per vivere lontani e si giurano complicità e collaborazione eterna, ma poi basta una battuta fuori luogo a tavola e tutte le promesse fatte svaniscono come la neve a primavera.

Questa è la storia del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis e del portiere Pepe Reina, i quali  si sono amati dal primo giorno, stimati e gettato le basi per un futuro in società dopo l’abbandono al calcio giocato dello spagnolo, ma tutto è cambiato dopo la cena di fine anno tra squadra e società, dove De Laurentiis forse preso dalla troppa euforia per il campionato straordinario disputato dai suoi ragazzi almeno per il gioco espresso, si è lasciato sfuggire una battuta molto infelice su Reina che alla cena era accompagnato come tutti gli altri calciatori dalla sua consorte. Il presidente affermò che il portiere durante l’anno non ha reso sempre al 100% perchè distratto da vicende extracalcistiche spensierate. Sicuramente battuta meno appropriata non poteva scappare all’esuberante De Laurentiis, infatti la stessa consorte di Reina voleva abbandonare la cena per poi essere calmata dal marito da sempre un leader del gruppo.

Ma la rabbia era tanta e per un focoso come Reina non è stata possibile trattenerla all’infinito e così a cena appena finita, lo spagnolo ha twittato sul suo profilo un commento molto duro che pur senza fare nomi era esplicitamente rivolto al suo presidente e da quel momento tutto è cambiato, anche perchè il presidente più social della Serie A non avrà potuto fare a meno di leggere quanto scritto dal suo dipendente e così è cominciata una sorte di guerra fredda, che poi tanto fredda nemmeno lo è.

Il campionato è finito e subito la società si è messa alla ricerca di un nuovo portiere per la prossima stagione, obiettivo comunque già in preventivo da mesi, perchè Sepe e Rafael le due riserve di Reina, non hanno dato durante l’anno alcuna garanzia a Sarri. Tutto normale quindi, purtroppo no, perchè prima si cercava un portiere di qualità ma giovane che doveva crescere alle spalle di Reina, mentre dopo la fatidica cena il profilo è cambiato, infatti si è alla ricerca di un portiere affermato come Szczesny che di certo non arriverebbe a Napoli per fare panchina.

Pepe Reina ha un contratto in scadenza nel giugno del 2018 e aveva chiesto un rinnovo fino al 2019 per chiudere la carriera in maglia azzurra, un premio che il portiere meriterebbe per quanto dato al Napoli sia in campo che fuori e per aver sposato la causa partenopea sempre e comunque, giocando anche quando il fisico non rispondeva proprio perchè fondamentale per l’economia della squadra solo la sua presenza in campo. Purtroppo dopo un incontro a tre avuto con De Laurentiis e il suo agente Quilon, il portiere si è sentito rifiutare la proposta di rinnovo, troppo grave l’offesa rivolta al vulcanico e permaloso presidente per essere premiato e adesso il futuro dello spagnolo è tutto da decifrare, anche se il suo procuratore ha affermato che resterà in azzurro anche la prossima stagione rispettando il contratto. Ma accetterebbe il ruolo di secondo se dovesse arrivare all’ombra del Vesuvio un portiere titolare? Difficile da credere, anche se può sempre godere della stima del suo allenatore Sarri e del resto del gruppo.

Al momento non si può ancora sapere come finirà questa storia, ma quello che si sa con certezza è che alcuni amori possono finire non per un tradimento, ma per una cena!

Articolo in collaborazione con SettimanaSportiva.it